I 5 TIBETANI: SEGRETI DI VITALITÀ

(8)

I 5 tibetani provengono dai monasteri remoti dell’Himalaya. Mantenuti segreti fino agli anni 30, sono stati rivelati al mondo occidentale da Peter Kelder. Aumentano l’energia vitale e regolarizzano il suo livello su tutti i chakra (centri energetici del corpo). Aiutano anche a conservare un corpo agile e forte. Si dice che questa serie di esercizi sia una pratica di longevità. Ecco un rituale di yoga da seguire senza aspettare per mantenere giovinezza e vitalità!

 

Ogni giorno, dedicate qualche minuto per ripetere questi 5 tibetani. Per ritrovare una buona energia, gli esercizi di yoga possono essere effettuati la mattina o la sera (o in entrambi i momenti). Inoltre è preferibile fare questi riti tre volte ciascuno la prima settimana, poi cinque volte per la seconda e così di seguito per le settimane successive, fino a ventun volte al giorno, ad eccezione del primo rito che si farà un numero indeterminato di volte fino alla comparsa della sensazione di vertigine. Vi consigliamo di esercitarvi a piedi nudi, su un tappetino da yoga.

 

Per realizzare questa ginnastica energetica, state attenti: la mattina, al risveglio, i muscoli sono freddi, bisogna quindi eseguire ogni movimento senza forzare. Se sentite il minimo dolore, fermatevi. Fate una pausa tra un esercizio e l'altro, per una migliore presa di coscienza. Infine, limitate le ampiezze di ogni movimento ed eseguitelo progressivamente, senza precipitazione.

 

Primo tibetano

conseils-yoga-exercice-les-5-tibetains-1

  • Obiettivo: riattivare l’energia e rafforzare il campo magnetico personale.

 

  • Esecuzione dell'esercizio: in piedi, mettete le braccia aperte a croce. I palmi delle mani sono rivolti verso terra. Poi girate su voi stessi, in senso orario. Per facilitare questa piroetta, ruotate sul piede destro che resta a terra e date la spinta con il piede sinistro. Alla fine dei giri, tornate con i due piedi distanziati alla larghezza delle spalle, bene in piano sul pavimento. Unite le mani, come per "pregare", poi chiudete gli occhi per visualizzare il vostro campo magnetico in pieno sviluppo. Aspettate per qualche istante che il capogiro passi.

 

  • Respirazione: respirate naturalmente.

 

  • Istruzioni di sicurezza: smettete di girare in caso di vertigine.

 

  • Ripetizioni: cominciate effettuando qualche giro, 6 per iniziare. Quando il vostro corpo è abituato, arrivate fino a 12 giri.

 

Secondo tibetano

conseils-yoga-exercice-les-5-tibetains-2

  • Obiettivo: rafforzare gli addominali e il collo, stimolare il centro energetico del plesso solare e tonificare il pancreas e la tiroide.

 

  • Esecuzione dell'esercizio: sdraiatevi sulla schiena e mettete le braccia lungo il corpo. Poi sollevate contemporaneamente la testa e le gambe tese, fino alla verticale. Riabbassate lentamente la testa e le gambe tese.

 

  • Istruzioni di sicurezza: i primi 15 giorni, fate l'esercizio con le ginocchia piegate, per proteggere al massimo la schiena. Ricordatevi sistematicamente di tirare in dentro il mento sollevando la testa. Tenete il fondoschiena a contatto con il pavimento per proteggere i lombari. Se soffrite di problemi di schiena, fate lo stesso esercizio con le gambe piegate.

 

  • Respirazione: espirate sollevando le gambe, inspirate riabbassandole.

 

  • Ripetizioni: 6.

 

Terzo tibetano

conseils-yoga-exercice-les-5-tibetains-3

  • Obiettivo: allungare i flessori delle anche, la cintura addominale e il collo. L’energia del plesso solare è portata verso il cuore, tonifica il timo, la tiroide e le surrenali.

 

  • Esecuzione dell'esercizio: posizionatevi in ginocchio, mettete le braccia lungo le cosce. Poi inclinate il busto in avanti, in modo che la nuca sia allungata e che il mento poggi sul petto. Quindi sollevate la testa e allungate il busto indietro per quanto possibile.

 

  • Respirazione: espirate lentamente inclinando la testa in avanti, inspirate profondamente piegandovi indietro.

 

  • Istruzioni di sicurezza: contraete i glutei, tirate in dentro la pancia per posizionare correttamente il bacino e proteggere i lombari. Le cosce sono in estensione. Aprite il petto, la regione toracica.

 

  • Ripetizioni: 6.

 

Quarto tibetano

conseils-yoga-exercice-les-5-tibetains-4

  • Obiettivo: rinforzare le spalle, il fondoschiena e i glutei. Stimolare il basso ventre, il collo e le ginocchia.

 

  • Esecuzione dell'esercizio: sedetevi a terra, a gambe tese, i piedi sono divaricati alla larghezza del bacino. Appoggiate le mani in piano sul pavimento, dai due lati del bacino. Prendete un respiro profondo poi aprite il petto in avanti e sollevate al massimo il bacino in modo da formare un angolo retto con le ginocchia. Lasciate andare la testa indietro il più possibile. Tornate alla posizione iniziale.

 

  • Respirazione: inspirate sollevando il bacino, espirate tornando alla posizione seduta.

 

  • Istruzioni di sicurezza: per proteggere le articolazioni, appoggiatevi bene a terra con le mani, bloccando i pugni, le braccia e le spalle. A fine espirazione, tirate in dentro il mento verso il petto.

 

  • Ripetizioni: 6.

 

Quinto tibetano

conseils-yoga-exercice-les-5-tibetains-5

  • Obiettivo: distendersi e alleviare la mente, allungare il corpo e soprattutto la schiena, fortificare le braccia, le spalle e sciogliere il retro delle gambe.

 

  • Esecuzione dell'esercizio: posizionatevi a quattro zampe. Le mani sono appoggiate in piano (le dita sono aperte) ben parallele, nel prolungamento delle spalle. I piedi sono distanziati alla larghezza del bacino, nell'allineamento delle mani. Mettetevi sulla punta dei piedi poi lentamente spingete il bacino verso l'alto tendendo le braccia e le gambe. Gli ischi salgono verso il cielo. Con le mani, fate come dei piccoli passi in avanti per estendere poco a poco la colonna vertebrale. I piedi devono andare a posarsi in piano sul pavimento. La testa resta verso il basso.

 

  • Respirazione: adottate una respirazione calma e profonda.

 

  • Istruzioni di sicurezza: girate bene le spalle verso l'esterno per liberare lo spazio tra le scapole. Gli avambracci si allontanano così dal pavimento e naturalmente la colonne ritrova una posizione neutra. Tirate in dentro le costole basse per tutta la durata dell'esercizio.

 

  • Ripetizioni: 6. Se state facendo i primi passi in questa pratica, restate solo 30 o 40 secondi nella postura. Coloro che riescono a restare in posizione, dovrebbero osservare allora il rilassamento della massa addominale sul diaframma, il rilassamento della lingua…
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Vote
Mattonella yoga in sughero
9,99 €*
4.40 / 5 9 Recensioni
    Materassino yoga CLUB 5mm viola chiaro
    29,99 €*
    4.10 / 5 38 Recensioni
      YOGA
      conseils-yoga-exercice-exercices-videos-nattes-yoga

      Scopri la stuoia Yoga di Domyos: l'accessorio indispensabile per praticare Yoga, in tutta sicurezza.

      (2)
      INIZIO PAGINA