YOGA - PILATES: COME SCEGLIERE IL TAPPETINO

(2)

Per praticare yoga o pilates in tutto comfort, è consigliabile sistemarsi in un ambiente calmo e utilizzare un buontappetino. Il tappetino protegge la schiena e le articolazioni assorbendo gli urti, fatto fondamentale nella pratica di attività zen. Per scegliere correttamente il tappetino verificate questi diversi aspetti: la misura, lo spessore e la resistenza all’usura.

 

Il wellness, pratica a terra

Stretching, yoga, fitness... tutte queste attività sono considerate come pratiche wellness. Sono discipline che combinano forma e rilassamento.

 

Per tutti i movimenti, da seduti o distesi si raccomanda di utilizzare un tappetino. Il tappetino protegge la schiena e le articolazioni assorbendo gli urti e offre un comfort ottimale, elemento indispensabile per la pratica delle attività zen.

 

Quale taglia, spessore e resistenza scegliere per il tappetino?

Per scegliere correttamente il tappetino verificate

 

la dimensione

Scegliete un tappetino un po’ più grande per evitare di dover eseguire gli esercizi a diretto contatto col pavimento.

 

lo spessore

Lo spessore del tappetino è fondamentale.

Durante le sessioni di rilassamento (yoga), preferite un tappetino spesso per isolarsi dal caldo, dal freddo o dall’umidità del suolo.

Durante le sessioni più dinamiche, preferite un tappetino abbastanza spesso per assorbire gli urti.

In generale, evitate i tappetini troppo molli e troppo spessi sui quali rischiate di torcere le caviglie i polsi o a altre articolazioni.

 

la resistenza all’usura

Un tappetino non comporta una grossa spesa. Ma attenzione a non lasciarsi attrarre dal primo prezzo. Scegliete prima di tutto un tappetino che resista alla ripetizione degli esercizi. 

 

Ultimo consiglio: favorite i materiali antiscivolo

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Vote
INIZIO PAGINA