CONOSCETE LA VOSTRA MORFOLOGIA?

Definire il vostro tipo di morfologia può aiutarvi nella pratica del body building. Il morfotipo al quale appartenete definirà che tipo di allenamento dovete seguire. Adatterete così l'alimentazione e il programma di body building secondo il vostro gruppo, per una maggiore efficacia e un migliore sviluppo del vostro fisico.

 

Gli endomorfi

La figura: l’endomorfo è caratterizzato da bassa statura, arti corti, un aspetto piuttosto tarchiato ma con già una certa forza. È la figura che prende più facilmente peso e massa grassa, dato il suo metabolismo lento. Il più delle volte sono interessate la pancia e le gambe. Dovranno così raddoppiare gli sforzi per armonizzare la figura e stabilizzarla.

 

Il piano d'attacco: per quanto riguarda l'alimentazione, è indispensabile sorvegliare l'apporto di calorie dei pasti, poiché il metabolismo ha tendenza a immagazzinare i grassi. Questo non significa assolutamente che bisogna imporsi una dieta drastica, al contrario. Bisogna ridurre le quantità, equilibrando al massimo ciò che si mette nel piatto. Nell'allenamento, lo sforzo deve essere di lunga durata. Il numero di ripetizioni deve essere accentuato, con poco peso. Al massimo, si consiglia vivamente di associare un lavoro cardio training al body building per bruciare il massimo di grassi possibili.

 

I mesomorfi

La figura: il mesomorfo ha un corpo largo, muscoli e articolazioni sviluppati. La sua ossatura importante va di pari passo con un viso e delle spalle quadrate, un busto largo, un bacino stretto. È la figura più adatta alla pratica del body building. È predisposta ad avere un fisico imponente. Qui esistono pochi problemi di sovrappeso, o, se ci sono, si correggono senza troppe difficoltà.

 

Il piano d'attacco: per il cibo, nessuna raccomandazione specifica, se non quella di variare l'alimentazione, per un buon equilibrio. Nell'allenamento, inutile fare troppo, un lavoro muscolare poco intenso offrirà già dei buoni risultati, poiché il corpo risponde perfettamente all'appello. La cosa migliore è iniziare con un allenamento globale, su tutto il corpo, e aumentare progressivamente l’intensità dello sforzo. Bisognerà tuttavia non sopravvalutare le proprie capacità: i tempi di riposo devono essere sufficienti per sperare di progredire (tra 12 e 72 ore di rigenerazione).

 

Gli ectomorfi

La figura: l’ectomorfo è un tipo di morfologia che presenta un corpo aggraziato, un'ossatura sottile e lunga. Le sue caratteristiche? Alta statura, articolazioni sottili, un fisico piuttosto magro, petto stretto. Questo tipo di morfologia non è la più adatta allo sviluppo muscolare. La difficoltà nel prendere peso è comune. Infatti, il suo metabolismo è molto rapido, non immagazzina quasi per niente i grassi, prende difficilmente peso e ancora meno muscolo.

 

Il piano d'attacco: per ingrossarsi e prendere muscoli, bisognerà mangiare in grande quantità ma in modo equilibrato, soprattutto delle proteine. La quantità di calorie consumate deve essere superiore alla somma dei bisogni quotidiani e delle calorie spese durante la seduta.

Bisogna attenersi a tre allenamenti intensivi a settimana ed evitare di farne troppo (il corpo recupera piuttosto facilmente ma questo non deve in nessun caso portare al sovrallenamento). Gli esercizi utilizzano dei carichi pesanti, il movimento deve essere effettuato lentamente, per una maggiore efficacia.

 

 

 

I morfotipi presentati qui sopra non significano in nessun caso che non potrete mai ottenere il fisico che desiderate. In funzione della figura di partenza, dovrete raddoppiare più o meno gli sforzi per raggiungere il vostro obiettivo. Ricordate inoltre che esistono anche altre figure intermedie, che vi aiuteranno a definire la vostra con precisione. Non esitate a contattare un coach sportivo che prenderà in considerazione la vostra morfologia per stabilire un programma di body building.

 

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Vote
BODYBUILDING

Per asciugare il corpo, non c'è niente di meglio di una dieta con shake di proteine. Preparato a base di whey, favorisce la massa muscolare senza creare squilibri nell'alimentazione.

(5)
INIZIO PAGINA